Accattivante, sobrio, evocativo.

Stiamo parlando dello stile industriale (o industrial style), che oggi sta riscuotendo sempre più successo nei contesti più diversi.

Bar, caffetterie ma anche ristoranti e negozi stanno adottando sempre più questo particolare tipo di design, anche nel nostro paese.

Lo stile industriale piace, soprattutto ai giovani e a chi ricerca uno stile fuori dagli schemi dove il gusto vintage viene accoppiato a una buona dose di modernità.

Che cos’è lo stile industriale

È un modo moderno di intendere il design, in cui il riutilizzo e la valorizzazione sono gli elementi chiave.

Lo stile industriale si basa proprio sul riutilizzo di vecchi mobili e oggetti industriali ormai dismessi. Ma non solo, perché stile industriale significa anche reimpiego di veri e propri ambienti industriali, come fabbriche, capannoni o locali produttivi.

Sedie di metallo, cassettiere porta documenti ma anche tubi, lampade industriali e mattoni arancioni sono gli elementi che più caratterizzano questo tipo di locali.

Da dove nasce lo stile industriale

Di necessità virtù.

Lo stile industriale infatti non nasce da una corrente di design determinata, ma trae le sue fondamenta proprio dal concetto di riutilizzo e valorizzazione di ciò che già c’è.

Questo stile nasce negli anni ’50 in USA, e in modo particolare pare che tutto sia iniziato a New York. In questo periodo, gli Stati Uniti erano una delle maggiori potenze industriali e le fabbriche riempivano le città. Tuttavia, negli anni ’60 e ’70 si inizia a registrare una crisi del settore industriale e molti capannoni e fabbriche venivano dismesse.

Quindi siamo nella particolare situazione in cui ci sono molti capannoni vuoti ma anche una grande quantità di oggetti e arredi abbandonati.

Nasce così la necessità di recuperare tutto ciò che prima era abbandonato e lasciato al proprio destino.

Industrial Style ristorante 6 consigli Localiarreda

Ecco l’arredamento industrial: vecchie fabbriche che trovano nuova luce come tavole calde, librerie, negozi di antiquariato… Un nuovo concetto di stile, anche grazie all’abbondanza dell’arredo industriale come sedie, tavoli, lampade, materiali metallici e marchingegni meccanici di ogni genere.

Successivamente lo stile industriale ha acquisito maggiore notorietà grazie a film e serie TV ambientate spesso in luoghi arredati in questo modo. Senza contare poi l’influsso della Pop Art, con Warhol e la sua Factory, il famoso studio di Andy.

Questo stile particolare ti appassiona?

Ecco 6 consigli per rendere il tuo locale tale e quale a una fabbrica americana anni ‘50! Stanne certo, i tuoi clienti apprezzeranno e torneranno!

1 – Fai rivivere l’atmosfera delle fabbriche statunitensi

Anche se stile industriale significa riutilizzare arredo e locali dell’industria in genere, indipendentemente dal paese, industrial style fa rima con USA.

Quando i clienti entrano nel tuo locale, devono sentirsi proprio come dentro ad una fabbrica anni ’50 in pieno boom economico. In un locale in stile industriale bisogna quasi sentire il fumo, i rumori meccanici, la frenesia dell’industria ma allo stesso tempo essere consapevoli di essere in un luogo di riposo, di ristoro.

Lo stile industriale è fatto di contrasti, e più ricorderai ai tuoi clienti di essere in una vecchia fabbrica USA tra colori, odori e sensazioni, più sarà forte in loro il ricordo di questa fantastica esperienza.

2 – Spazi e ambienti

Le fabbriche degli anni ’50 e ’60 erano spesso degli open space: grandi spazi aperti con arredo e macchinari tra cui gli operai passavano di continuo. Il concetto di open space riprende anche l’idea stessa di capannone. Le linee sono rettangolari, semplici, sobrie, essenziali, derivate direttamente dallo stile razionale delle fabbriche.

Se intendi arredare il tuo locale in stile industriale, prediligi gli spazi ampi, i soffitti alti (magari con semplici lampade a sospensione) e cerca di dare più aria possibile all’interno. Attenzione però a non rendere l’ambiente troppo freddo! In questo puoi aiutarti con l’arredo e i giusti materiali.

Stile industriale ristorante consigli Localiarreda

3 – Scegli i giusti materiali

Il protagonista indiscusso è il metallo, proprio perché era l’elemento preponderante nelle vecchie fabbriche e nei capannoni industriali.

Mobiletti, cassettiere, portadocumenti, sedie, tavoli, bancali, vetrate, piccoli elementi di arredo… Tutto nello stile industriale fa rima con metallo. Quindi, abbonda!

Un altro elemento che trova la sua collocazione nello stile industriale è il legno. Spesso utilizzato in capannoni e fabbriche quale elemento di supporto, nell’industrial style compone scaffali, sedie ma anche mobiletti e ripiani di ogni genere. Il legno poi è facilmente abbinabile a materiali come la ghisa e il rame: puoi giocare con tutti questi tre elementi per creare un effetto luminoso e davvero particolare.

Industria è anche cemento, resina e mattoni a vista: questi elementi rimandano subito alle industrie pesanti, e la loro fusione con elementi recenti darà un tocco speciale al tuo locale senza alterare la percezione di luogo di ristoro.

4 – Quali mobili scegliere

Il materiale perfetto per sedie e poltrone è sicuramente la pelle. Si tratta di un rivestimento che si sposa benissimo con la razionalità dell’ambiente e i cui colori caldi e semplici si adattano al metallo e al cemento. Meglio ancora se la pelle risulta consumata o leggermente lacerata: questo aiuterà a dare un look più vintage e vissuto, aumentando la percezione di fabbrica anni ’60.

Lo stile industriale, come le fabbriche, è essenziale, semplice, con forme geometriche e sobrie. Quindi qualsiasi mobile tu voglia scegliere, prediligi forme semplici e senza fronzoli.

Consigli stile industriale ristorante Localiarreda

5 – Colore

Non c’è dubbio: il grigio domina tutto. Tessili e arredo dipinti in grigio di varie tonalità riescono a creare un perfetto effetto industriale grazie agli elementi in acciaio. Non serve esagerare, perché il solo accostamento di questi elementi renderà qualsiasi locale più “industrial”. Assieme al grigio gli altri colori che puoi sfruttare sono tutti quelli che derivano dai materiali e oggetti utilizzati nelle fabbriche. Tra questi ci sono il beige (pensa ai sacchi, al legno e ai mattoni) il bianco e il nero. Accanto a questi puoi scegliere un colore di accento che si distacca totalmente dalla base cromatica di partenza ma ti permette di dare quel tocco in più: può essere un bordeaux, un blu navy oppure un giallo canarino. L’importante è mantenere l’effetto industriale ma senza prendersi troppo sul serio!

6 – Illuminazione

Nello stile industriale è di vitale importanza. Questa attenzione deriva direttamente dalla necessità di avere dei luoghi di produzione perfettamente illuminati. L’industrial style fa delle finestre un vero e proprio elemento d’arredo: queste sono ampie, luminose e dai profili sottili.

Anche le lampade sono importanti: devono produrre la maggior quantità di luce possibile senza però essere troppo ingombranti o fastidiose. Lampade da terra minimali, faretti discreti ma anche lampade a sospensione semplicissime (con elementi a vista) sono i perfetti complementi d’arredo. I colori? Luce calda e lampade verdi che riprendono lo stile USA degli anni ’50 e ’60.

Illuminare è fondamentale anche per alleggerire l’atmosfera dell’ambiente, che a causa dell’arredo può sembrare pesante.

Lo stile industriale ristorante 6 consigli Localiarreda

Stai pensando a che look dare al tuo nuovo locale?

Oppure vuoi dare una bella rinfrescata al tuo ristorante?

Lo stile industriale è un ottimo modo per ammodernare un ambiente mantenendo comunque un look originale e particolare.

Vuoi iniziare a progettare il design del tuo nuovo locale? Puoi iniziare da qui.

Scopri i nostri servizi qui