Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Il proibizionismo aveva chiuso le porte a molti locali.

Luoghi in cui si poteva sorseggiare un buon drink di scotch dopo una lunga giornata di lavoro erano praticamente spariti negli USA degli anni ’20.

Il proibizionismo è stato un periodo (dal 1919 al 1933) in cui in America era vietato acquistare e consumare alcolici di ogni tipo.

In questi anni di forti restrizioni prende vita un particolare tipo di locale.

Si chiama Speakeasy ed esiste tutt’oggi. E riscuote ancora un notevole successo.

Che cosa sono gli Speakeasy

In un periodo in cui vendere e consumare alcolici alla luce del sole non era possibile, baristi e ristoratori lavorano di creatività.

Nasce così in America lo Speakeasy, un bar in cui vige il silenzio e la segretezza, spesso nascosto in vicoli oscuri o dietro le tende delle barberie, in cui si può sorseggiare ciò che il XVIII Emendamento aveva reso fuori legge.

Proprio a causa dell’illegalità dei prodotti venduti, gli Speakeasy erano nascosti con particolare cura.

Speakeasy anni 20 in Italia Localiarreda

Per rendere tutto più sicuro e celare l’esistenza di questi bar fantasma, all’interno si doveva mantenere un tono di voce basso e non fare assolutamente confusione. Altrimenti il locale poteva essere trovato dalle autorità (specialmente se consideriamo che spesso gli Speakeasy erano nascosti dentro altri locali).

Ecco perché si chiamavano Speakeasy. Bisognava parlare easy.

Le caratteristiche degli Speakeasy

Nascosti, spartani, silenziosi.

Sono queste le caratteristiche degli Speakeasy.

A causa della loro natura “al di là della legge”, gli Speakeasy dovevano essere semplici e non riconoscibili. Si dovevano mimetizzare con il design dei locali adiacenti e all’interno erano molto spartani.

Parlate piano, non fatevi sentire” era la vera parola d’ordine tra bartender e clienti.

Il tipico frequentatore di uno Speakeasy infatti non badava di certo al design e alla raffinatezza, ma ai prodotti che vi venivano venduti. Sostanza, prima che forma.

Luci soffuse, voci sussurrate e profumo d’alcool. È questa l’anima dello Speakeasy.

Esistono ancora gli Speakeasy?

Se l’esigenza di nascondere l’alcool non esiste più, la filosofia Speakeasy sopravvive al tempo.

Speakeasy significa concentrarsi sul momento e godersi il proprio drink, senza pensieri.

Significa staccarsi per qualche minuto dalla frenetica quotidianità e assaporare momenti di puro relax.

Gli Speakeasy ci sono, e sono sparsi per il mondo.

La sfida però è trovarli.

Speakeasy in Italia Localiarreda blog

Già, perché se la semplicità e lo stile sono rimasti, è rimasta anche l’esclusività di questi posti.

Infatti se riesci a trovarne uno, per entrare dovrai conoscere la parola d’ordine segreta. E in molti di questi veri e propri club, puoi entrarci solo se ti sei iscritto. E non è per nulla facile.

In giro per il mondo ce ne sono moltissimi, spesso nascosti tra i vicoli o mimetizzati tra altri locali più appariscenti.

A Berlino se ne trovano moltissimi, e davvero particolari (addirittura con delle liste d’attesa su prenotazione). Per non parlare degli Stati Uniti, dove tutto è cominciato, e in Inghilterra.

Silenzio, semplicità, raffinatezza e stile rigorosamente anni ’20. E tanta, ma tanta segretezza. Ecco lo Speakeasy oggi.

Gli Speakeasy in Italia

Se sei attento e particolarmente curioso, li puoi trovare anche in Italia.

Ma non è facile, perché dovrai districarti tra giuste conoscenze, parole d’ordine sussurrate all’orecchio e vicoli misteriosi.

3 Speakeasy italiani da provare assolutamente

1930 a Milano

Nascosto dietro a un retrobottega di un bar cinese, proprio nei pressi di Piazza Cinque Giornate. Tuttavia nessuno conosce l’indirizzo preciso: per averlo è necessario prendersi un cocktail al Mag o al Barba e riuscire a stupire i proprietari.

The Mad Dog Social Club a Torino

Si tratta del locale facente parte del progetto The Jerry Thomas Project, iniziato a Roma. Il Mad Dog sorge nei pressi di Piazza Carlina, proprio nella capitale del famoso vino Vermouth. In questo locale gli ingredienti dei cocktail vengono spillati dalle botti e dalle giare in vetro presenti nel locale. Come entrare? Inviare una mail dal sito del locale e ricevere la parola d’ordine per poter entrare.

Club Derrière a Roma

Sono diversi passaggi segreti quelli che dividono l’Osteria delle Coppelle al Club Derrière, uno Speakeasy al centro della Capitale. Ti basterà dire la parola d’ordine per far aprire un’anta di un armadio ed entrare nell’oscuro locale. 12 sono i drink serviti agli ospiti del Derrière.

Ecco perché dovresti aprire uno Speakeasy

L’esclusività, la storia e l’originalità di questi posti li hanno resi particolarmente ricercati dai clienti più raffinati, che cercano un’esperienza diversa.

Il primo motivo per cui dovresti aprire uno Speakeasy è il successo di questo particolare locale.

Proprio l’esclusività e l’originalità dello Speakeasy attrae i clienti, soprattutto quelli che cercano un locale diverso, un’esperienza fuori dal comune.

Arredare Speakeasy in Italia Localiarreda

Ma non solo. Lo stile degli Speakeasy è quello dei ruggenti anni ’20.

In questo modo è facile organizzare serate a tema e ospitare eventi dal sapore retrò, invitando ancora un’altra tipologia di clienti.

Come arredare uno Speakeasy

Le linee guida sono gli anni ’20.

In un certo senso, lo stile può essere un incrocio tra uno stile industriale e uno stile prettamente vintage-classico. Nell’arredamento di uno Speakeasy non possono mancare oggetti di arredo rustici, riutilizzati e dal sapore retrò (poltrone in pelle o tavolini in legno riciclati sono perfetti).

Le luci sono soffuse, calde e sparse in giro per il locale. I colori sono scuri, caldi, tendenti al nero e al color pelle. Va benissimo aggiungere qualche oggetto più moderno, come una chitarra elettrica appesa al muro o un pezzo di una vecchia automobile. L’importante è che tutto sia rigorosamente analogico. L’elettronica (come i cellulari) è bandita.

Design Speakeasy in Italia Localiarreda

Pronto a conquistare i tuoi clienti con uno Speakeasy?

Se hai già un bar, puoi dargli facilmente un nuovo stile rendendolo del tutto uguale a un misterioso Speakeasy anni ’20.

Oppure se devi iniziare da zero, puoi prendere spunto dai locali più famosi, come quelli a New York o a Berlino.

L’importante è essere originali e attenersi allo stile vintage semplice e rustico.

Se vuoi creare il primo Speakeasy del tuo quartiere, siamo pronti a darti una mano. Trovi tutto qui.

Scopri i nostri servizi qui

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.