Se stai pensando di aprire un ristorante, non perderti questo articolo sulla progettazione. Le prime due cose che proprietario e progettista devono avere ben chiare sono due: il target e il tipo di offerta che si vuole proporre ai clienti. Dopo aver individuato e chiarito questi due elementi, si potrà procedere con la progettazione. Vediamo come.

Quando parliamo di progettazione di un ristorante intendiamo la fase di ideazione prima della realizzazione effettiva del locale. La progettazione prevede due fasi fondamentali: la prima che consiste nel rispettare i criteri comuni a tutti i progetti, come il rispetto delle normative, e poi lo studio dell’immagine del locale, risultato della sinergia tra proprietario e progettista. 

Ma qual è il primo passo effettivo per procedere con la progettazione? 

Come progettare un ristorante: l’organizzazione degli spazi

Il tipo di cucina che decidi di offrire ai clienti ti indirizzerà sulla progettazione, sull’arredamento e sull’organizzazione degli spazi. L’organizzazione e la suddivisione degli spazi a disposizione è il primo step da cui partire per progettare un ristorante.

Sono 5 gli ambienti principali che devono essere presenti nel progetto di un ristorante:

  • ingresso;
  • sala;
  • cucina;
  • servizi;
  • spazi per la sicurezza.

Per progettare gli spazi di un ristorante, occorre pensare ad un’organizzazione che sia ben studiata al fine di essere funzionale allo svolgimento dell’attività e che doni all’ambiente un armonioso equilibrio. 

Generalmente un ristorante si suddivide in due macro-aree principali: quella destinata al pubblico e quella destinata al personale. Sono zone che vanno progettate come spazi a sé ma che allo stesso tempo devono essere ben collegate per assicurare lo spostamento dei camerieri dalla cucina alla sala, garantendo un servizio fluido. Una volta pianificato questo aspetto, planimetria del ristorante alla mano, si decide come organizzare al meglio tutti gli spazi.

Ingresso

La zona di ingresso deve essere sicuramente curata e di effetto. Per zona di ingresso intendiamo la zona della cassa, della sala d’attesa e dell’angolo bar. Una giusta progettazione e un giusto arredo vi aiuteranno a far sentire il cliente subito a casa.

La sala

Anche la sala dovrà essere studiata nel minimo dettaglio. La prima cosa su cui porre l’attenzione è sicuramente l’equilibrio tra lo spazio a disposizione e la quantità di tavoli. Troppi tavoli in uno spazio piccolo creerebbero un effetto sgradevole e controproducente. I tavoli devono stare ad una giusta distanza tra loro, questo farà contenti sia i clienti che non si troveranno a cenare attaccati ai “vicini di tavolo” sia i camerieri che riusciranno a svolgere il servizio con fluidità.

La cucina

La cucina fa parte della delle zone dedicate al personale. La progettazione della cucina di un ristorante deve essere ben pianificata perché è da lì che nasce il vero valore del locale, che insieme ad altri elementi ne determina il successo. Partendo dalle dimensioni della cucina del ristorante si può procedere con l’organizzazione degli spazi. Chi progetta l’ambiente deve fare in modo di distribuire gli spazi per rendere il servizio fluido e veloce. Questo vuol dire che le attrezzature dovranno essere posizionate con criterio in modo da rendere fluido il lavoro dello chef e delle altre figure coinvolte. 

Servizi

Quando parliamo di servizi obbligatori nel progetto di un ristorante non intendiamo solo i servizi igienici per il pubblico ma anche quelli per il personale e non ultimi gli spogliatoi, che si possono prevedere anche nella zona dell’antibagno.  

Sicurezza

La progettazione della sicurezza del locale è fondamentale. Per essere a norma infatti deve rispettare le direttive a tutela della sicurezza e della salute del personale e dei clienti. Tra le cose da pianificare per rispettare la normativa utile per i ristoranti ci sono soprattutto le vie per l’uscita di emergenza, gli impianti a norma e materiali durevoli. 

Il Campione, realizzato a Roma da Localiarreda

Parola d’ordine nel progetto di un ristorante: stupire i clienti 

Come dicevamo, ci sono dei fattori a cui pensare prima di aprire un locale: target e offerta. Il target appunto è un tassello molto importante: decidere il tuo “futuro cliente” ti aiuterà a indirizzare il progetto e ad avere un risultato vincente. 

L’importanza dell’immagine

Quando si progetta e si arreda un ristorante si deve pensare alle esigenze del cliente. Il luogo che prenderà forma sarà lo spazio in cui il cliente dovrà sentirsi a casa. Deve essere in primis un luogo che riesca ad emanare sensazioni positive appena il cliente entra nel locale. Le sensazioni positive sono date sicuramente dalla parte estetica, un locale ben arredato è il primo step per colpire il cliente. D’altronde, sappiamo bene che un locale si sceglie proprio perché ci piace proprio il locale in sé. La vista e l’udito sono i due sensi che hanno la meglio nella scelta di un locale. In un’epoca in cui i clienti sono in cerca di tutto quello che è “postabile” sui social, capirai quanto conti l’immagine e la cura del design.

Non solo immagine, ma anche altri fattori come l’acustica, la temperatura, i colori, l’odore, il comfort sono da prendere in considerazione nel progetto di un ristorante. Ad esempio, le luci troppo forti, un’acustica non ottimale, sedie scomode disturbano il cliente rovinandogli il pasto. 

Progettazione ristorante: l’Azienda di riferimento su Roma e Milano

Per progettare un ristorante occorre l’esperienza di esperti nel settore, da architetti a interior designer, che insieme ai gusti e alle idee del proprietario del locale possano realizzare il locale dei sogni. Localiarreda è l’Azienda di riferimento per la progettazione del tuo ristorante a Roma e Milano. Da anni attiva nel campo dell’architettura e dell’arredamento, con professionalità e serietà propone soluzioni esclusive e di tendenza per ristoranti ma anche per lounge bar, pasticcerie, hotel, B&B, spazi polifunzionali, aziende e locali a 360°.