L’arredamento Spa richiede uno studio ben definito che coniughi, in un perfetto equilibrio, estetica e funzionalità. Ma quali sono gli elementi che non devono mancare nell’arredamento di una spa? Ve lo diciamo in questo articolo.

Come arredare una spa: gli elementi che non devono mancare

Quando si progetta l’arredamento di un esercizio commerciale il primo aspetto da prendere in considerazione è il cliente finale. Si tratta di progettare un locale in base a quello che il cliente si aspetta, senza mai dimenticarsi di aggiungere l’”effetto sorpresa”. Questo aspetto si rafforza ancora di più nel caso di spa e centri benessere. Infatti, la spa è un ambiente nato per regalare relax, benessere e tranquillità a chi decide di trascorrere qualche momento distaccato dalla quotidianità.

Ma quali sono gli elementi fondamentali per l’arredamento di spa e centri benessere? Li vediamo insieme in questo articolo e se volete progettare una spa su misura, in linea con le vostre aspettative, Localiarreda è l’azienda a cui rivolgersi.

Gli elementi che costituiscono l’arredo di una spa devono rispondere a diversi criteri tecnici, architettonici ma anche di design. L’obiettivo è fare quindi di uno spazio la fusione tra funzionalità e design. Per rispettare questo equilibrio è importante saper scegliere i giusti elementi d’arredo, i giusti materiali e cavalcare le tendenze del momento. 

Vediamo nel dettaglio quali scelte fare per arredare una spa.

I materiali

Partiamo dai materiali. La scelta dei materiali è il primo step da affrontare per arredare una spa. A prescindere dallo stile che vorrete dare all’ambiente, i materiali giusti per l’arredamento di una spa sono:

  • vetro

Il vetro è il materiale per eccellenza per l’arredamento di spa e centri benessere. Dalle vetrate per dividere gli ambienti, magari con un effetto fumè che favorisce la privacy dei clienti, alle zone doccia agli altri elementi che arricchiscono e completano l’arredamento, il vetro è uno dei materiali che non deve assolutamente mancare.

  • plexiglass

Simile nel risultato finale al vetro, anche il plexiglass è un materiale moderno, elegante e altamente versatile molto utilizzato per l’arredamento spa. Potete arredare la vostra spa con sedie e tavoli in plexiglass, ideali per gli angoli di break tra un trattamento e l’altro, ma anche con mensole in plexiglass su cui esporre i prodotti da consigliare ai clienti per l’acquisto.

  • acciaio inox

Non solo lo stile ma anche l’igiene è fondamentale in un ambiente come la spa. Il materiale che risponde più di tutti a questa esigenza è sicuramente l’acciaio inox. Grazie alla superficie compatta, priva di pori, l’acciaio inox blocca la sopravvivenza dei batteri e le sue proprietà gli permettono di resistere all’umidità.

  • legno

Il legno è il materiale più adatto per creare un arredamento spa dalle linee classiche con un profondo richiamo alla natura. Potete decidere di usare il legno sia per il pavimento che per gli elementi d’arredo. Ma ricordate che non tutti i tipi di legno suscitano le stesse sensazioni. Per ricreare un ambiente luminoso, prediligete il faggio o il ciliegio; per spazi più ricercati e raffinati le gradazioni giuste sono quelle dell’ebano e del rovere.

Qualunque sia la vostra scelta in fatto di materiali, è importante che la scelta porti alla realizzazione di un ambiente elegante e in grado di trasmettere relax. 

Vuoi realizzare un arredamento spa su misura? Contattaci per una consulenza.

Porte e pareti

Gli elementi divisori, come le porte e le pareti, richiedono uno studio e una progettazione molto attenti perché devono assicurare la fluidità dei passaggi da un’area all’altra. Le pareti più adatte per l’arredamento spa sono le modulari autoportanti da personalizzare a seconda del gusto e dello stile che si vuole dare allo spazio. Per le porte, invece, fate riferimento a queste due tipologie:

Scorrevoli a scomparsa: la qualità principale delle porte scorrevoli è che permettono di recuperare molto spazio rendendo l’ambiente più grande e aumentando la possibilità di arredo. Sono quindi ideali per un ambiente come la spa in cui il passaggio degli ospiti è continuo.

A soffietto: un’altra soluzione per risparmiare spazio sono le porte a soffietto, ricoperte di materiale pieghevole, che si aprono e chiudono con effetto fisarmonica.

Le luci

Il primo errore da non commettere nella progettazione dell’illuminazione di una spa o di un centro benessere è abbondare con le luci. In un ambiente come la spa, la luce deve essere studiata nel minimo dettaglio. Non deve essere né forte né abbondante, basta un’illuminazione necessaria che permetta ai clienti di orientarsi nella spa. La scelta ideale è la luce calda, preferibilmente regolata da dispositivi in grado di personalizzarla a seconda degli ambienti e dei momenti, come ad esempio il pre e il durante del trattamento. Nelle docce potete giocare con piccoli faretti al led o neutri o colorati, questi ultimi sono spesso utilizzati per la cromoterapia. Nelle stanze in cui si effettuano i massaggi disponete sempre una piccola lampada o abat-jour da tenere accesa durante il trattamento, quando il resto dell’ambiente è rigorosamente al buio. Per valorizzare l’illuminazione in una spa, sfruttate la luce naturale predisponendo grandi finestre a vetro da cui far entrare i raggi solari. La luce e il calore naturali sono un elemento chiave per il benessere di testa e corpo. 

L’arredo

Quali sono gli elementi d’arredo che non devono mancare nell’arredamento di una spa? Viziate i vostri clienti regalando coccole e relax assoluto: inserite quindi sedute comode di ogni tipo, dai lettini ai pouf ai divanetti e le tanto amate poltrone a sospensione. Le poltrone a sospensione sono ideali per creare angoli relax, immancabili in una spa. Allestite uno spazio in cui i clienti possano fare un break tra un trattamento e l’altro. In questo spazio non deve mancare la postazione dei the e delle tisane e uno spazio in cui servire l’aperitivo.

Per le stanze dedicate ai trattamenti, scegliete uno stile minimal e studiate bene gli spazi permettendo agli operatori di muoversi con facilità intorno ai lettini. Prediligete lettini in legno o con strutture metalliche, e predisponete elementi di arredo funzionali come i mobili attrezzati con lavello e vari scompartimenti per disporre il materiale.

Particolare attenzione alla zona di ingresso che sarà il vostro biglietto da visita. Gli elementi principali da inserire sono la zona reception con un bancone dal design moderno e dalla superficie spaziosa, divanetti e poltrone per l’attesa, vetrine per esporre i prodotti e un’area guardaroba in cui i clienti possano lasciare in sicurezza il proprio cappotto.

Come avrete notato, l’arredamento di una spa è molto “esigente”, deve rispondere a determinati criteri e questo perché il cliente è il protagonista assoluto e la user experience è il principio chiave su cui deve muoversi tutta la progettazione. Se volete realizzare una spa o un centro benessere, contattateci per una consulenza.